Flash elettronici: migliori prodotti di Giugno 2021, prezzi, recensioni

Chi si intende di fotografia, saprà di certo che uno degli elementi essenziali da tenere sempre in considerazione è la luce. Non esisterebbe la fotografia senza la luce. Ecco che imparare a gestirla al meglio con la giusta strumentazione, potrebbe garantirci degli ottimi scatti. Genericamente la luce può essere artificiale e naturale. La luce naturale, ovvero quella ambientale, per logica non potrà essere di certo controllata. Tuttavia su quella artificiale avremo ampio margine di impostazione.

A tal proposito, nel mondo fotografico, sono messi a disposizione degli strumenti volti proprio al massimo e totale controllo della luce. Di cosa stiamo parlando? Dei flash elettronici naturalmente!

Nel seguente articolo, a tal proposito, parleremo di un argomento molto interessante che riguarda esperti e amatoriali. Valuteremo quali siano le peculiarità e le caratteristiche di un flash aggiuntivo e quale sia la migliore scelta per le proprie necessità. Curiosi di scoprire qualcosina in più? Vediamo subito le info più utili!

Perché scegliere di montare un flash esterno aggiuntivo?

Molti di voi potrebbero chiedersi a che serve effettivamente montare un flash. Al di là dell’ovvia risposta del “fare più luce” è importante sapere che le motivazioni che spingono all’acquisto di un flash esterno sono ben più numerose.

Un appunto da fare, prima di addentrarci nel mondo dei flash esterni, è di chiarire quale sia la differenza effettiva tra il flash integrato già sulla reflex e quello venduto a parte. Generalmente il flash integrato della reflex è utilizzato solo ed esclusivamente come ultima spiaggia, in quanto i risultati ottenibili non sono di certo così gradevoli. Per carità, a volte meglio questo che niente, tuttavia se si punta allo scatto perfetto, questo non sarà il nostro alleato nella migliore illuminazione.

La caratteristica del flash integrato sulle reflex, è principalmente la bassa potenza del fascio luminoso. Oltre a ciò, la grande pecca per alcuni fotografi a dir poco inaccettabile, è la mancata possibilità di direzionare a proprio piacimento il fascio luminoso. Ciò si traduce in un’illuminazione diretta sul soggetto che si avrà davanti. Quale sarà il risultato? Ombre eccessive alle spalle del soggetto il più delle volte indesiderate, occhi rossi, foto sovraesposte e profondità di campo praticamente nulla. Ecco perché, se possibile, è meglio evitare di usarlo!

Flash esterno. Ecco cosa c’è da sapere prima di acquistarne uno

Una volta chiarito l’argomento riguardante il flash integrato, siamo pronti per conoscere al meglio e più nel dettaglio le funzioni principali di un flash esterno.

Come già accennato poco prima, l’uso di un flash esterno o aggiuntivo è volto a migliorare una situazione alla base di scarsa o quasi nulla luminosità. Per quanto a volte l’impostazione dei parametri di scatto possa dare un’importante mano d’aiuto, spesso l’uso del flash sarà imprescindibile anche per il semplice modo di ottenere effetti di ombre particolari ed un tipo di illuminazione calibrata e controllata nel dettaglio. Questo vale soprattutto per la fotografia da studio, dove la luce fungerà da principale elemento artistico.

Quali sono i criteri da tenere in considerazione al momento della scelta?

Scegliere il proprio flash non sarà di certo un qualcosa da fare in modo casuale, anzi. Bisognerà valutare attentamente una serie di aspetti che al momento del suo utilizzo si riveleranno importantissimi. Vediamo quelli più rilevanti:

  • Compatibilità con la reflex.
  • Potenza.
  • Orientamento della testa.
  • Modalità TTL.
  • Copertura grandangolare.
  • Funzione Master e Slave.
  • Marchio e costo.

   

Come si può notare, non sono certo pochi i criteri di scelta che stanno alla base dell’acquisto del giusto flash esterno. Primo tra tutto, per logica, andrà valutato il fattore compatibilità. Bisognerà quindi assicurarsi che il flash sia compatibile con la nostra reflex e che non presenti limiti o conflitti.

La potenza e l’orientamento della testa sono ulteriori aspetti essenziali per un flash esterno. Per quanto riguarda la potenza, ogni flash risulterà più o meno potente di un altro, il valore con cui si indica la potenza è il NG ovvero il numero guida. Più sarà alto questo dato, maggiore e più ampio sarà il fascio di luce prodotto la flash. Per intenderci, il flash integrato della reflex di cui parlavamo prima, generalmente ha una potenza, quindi in NG pari a circa 11 o 13. Un flash esterno di buona qualità, arriva anche a 40-60 NG. 

Orientamento della testa

Questo è un punto assai importante per valutare un flash. Difetto del flash integrato era proprio la staticità del fascio, con un flash esterno a testa orientabile, si avrà un raggio di movimento a propria disposizione, che a seconda del modello potrà essere in verticale oppure sia in verticale che in orizzontale. Più sarà ampio il raggio di movimento, migliore sarà la resa poiché avremo più scelta sul come e dove direzionare il fascio di luce.

Modalità TTL

Soprattutto per chi non si intende molto di fotografica ma desidera comunque cimentarsi nell’uso di un flash aggiuntivo si rivelerà di fondamentale importanza. Un flash TTL sarà infatti in grado di regolare in modo del tutto automatico la potenza del fascio luminoso in relazione alla distanza del soggetto, rilevandone l’esposizione attraverso l’obiettivo.

Quale scegliere quindi?

Il flash migliore può considerarsi tale, solo se relazionato al tipo di utilizzo che se ne farà. Capendo quali siano le reali esigenze, sarà possibile muoversi ed orientarsi nella scelta giusta che, attenzione, non si traduce per forza nel prodotto più costoso, ma che rispecchi ciò che effettivamente ricerca l’utente. Varrà anche il livello di abilità e manualità di cui si è in possesso. In ogni caso, è sempre consigliabile imporsi un preciso budget e puntare ad un flash versatile.

Prezzi? Quanto costano i flash elettronici?

Parlando più nello specifico di prezzi, il range di costo è estremamente variabile, poiché in commercio esistono davvero tantissimi modelli e dei più disparati marchi. Il prezzo minimo per un flash si aggira intorno ai 35 – 45 euro. Volendo ottenere una prestazione migliore, invece, sarà possibile acquistare un flash di buon livello ad un costo di circa 80 – 160 euro. Tutto dipenderà molto dalla nostra esigenza. Tuttavia il consiglio è sempre quello di investire qualche euro in più e preferire un modello di fascia media che possa assicurare risultati soddisfacenti e qualità anche in termini di materiali.

Siciliana laureata in Discipline dello Spettacolo e Comunicazione alla facoltà di Pisa. Appassionata di arte, musica e scrittura. Mi occupo di scenografia cinematografica e nel tempo libero scrivo romanzi in self publiscing. Mi diletto anche nella musica e nella pittura.

“La vita non sarebbe niente senza un pizzico di arte”

Back to top
menu
fotoevideocamere.it